sabato 25 ottobre 2008

L'alimentazione nella psoriasi

Ci sono centinaia di pagine sull'argomento ma pochi studi scientifici.

Su ClinicalTrials.gov il sito istituzionale della ricerca scientifica ufficiale americana ci sono 323 trials sulla psoriasi e solo 2 sulla dieta.

E' abbastanza ovvio: la medicina ufficiale e la ricerca scientifica ufficiale non sono molto amanti delle diete.

Se si scoprisse che mangiando o non mangiando qualcosa la malattia scompare cosa ne sarebbe di Medici e Industrie Farmaceutiche!

E' significativo che anche sul sito dell'ADIPSO, la maggiore associazione italiana di pazienti psoriasici, l'argomento alimentazione sia liquidato così nella sezione "consigli pratici":
Ridurre al minimo alcool e fumo, ponendo un’attenzione particolare all’alimentazione assumendo uno stile di vita adeguato. (adipso.org)
Pur essendo ormai accertato che un alto BMI e condizioni di obesità hanno un effetto negativo sulla risposta clinica ai trattamenti nella psoriasi sono pochi gli studi clinici sulla correlazione tra tipo di alimentazione e psoriasi [1]. Una review del 2005 sottolinea come una dieta a basso contenuto calorico potrebbe essere importante nella prevenzione e nella cura della psoriasi, così pochi grassi ed aumentato consumo di frutta e verdura oppure periodi di digiuno potrebbero migliorare i sintomi in malati psoriasici [2].


Proviamo a raccogliere il maggior numero possibile di indicazioni sugli alimenti che possono fare bene e alimenti che possono fare male, poi proveremo a studiare delle diete e ne verificheremo gli effetti.

NOTA: Tra le varie fonti si trovano anche dati discordanti, ad esempio i legumi sono presenti sia tra gli alimenti che fanno male in quanto ricchi di amidi che tra quelli che fanno bene in quanto ricchi di acidi grassi omega 3.

Bibliografia
1. Naldi L, Addis A, Chimenti S, Giannetti A, et al. Impact of Body Mass Index and Obesity on Clinical Response to Systemic Treatment for Psoriasis. Evidence from the Psocare Project. Dermatology. 2008 ;217:365-373.
2. Wolters M. Diet and psoriasis: experimental data and clinical evidence. Br J Dermatol. 2005;153:706-14
3. Brown AC, Hairfield M, Richards DG, McMillin DL, Mein EA, Nelson CD. Medical nutrition therapy as a potential complementary treatment for psoriasis--five case reports. Altern Med Rev. 2004 Sep;9(3):297-307. (pdf)

1 commenti:

dead sea expert ha detto...

Hello, I enjoyed reading one of your last posts. I think that this topic is strife with a lot of pain and anguish on the many readers suffering from this cursed disease. Notwithstanding my thoughts, I believe that there is a close remedy or at least an ability to ease the pain. Stop buying products that are barely useful. Enter the following address: and take note of the high-quality and successful research that has publicized in the field. In case you need a doctor’s opinion on this, you can find it at the following address: http://www.dead-sea-health.org/it/index.html
I wish you good health.

Posta un commento

La nostra mission

La psoriasi è una malattia cronica, infiammatoria e iperproliferativa della cute che interessa circa il 2% della popolazione generale dei paesi occidentali.
La psoriasi è un disordine multigenico (cioè ci sono diversi geni coinvolti) scatenato da fattori ambientali.
La ricerca scientifica "ufficiale" negli ultimi anni sperimenta soprattutto terapie ad alto costo e con un ottica settoriale (solo dermatologica o solo reumatologica, solo biomolecolare, solo biotecnologica).
Sono invece tantissime le "strade" di ricerca sia delle cause che dei trattamenti che vengono trascurate.
Questo NON è nell'interesse dei pazienti!

In un saggio del 2007 dal titolo "La saggezza della folla", James Surowieki sostiene la tesi che i gruppi, anche se non competenti, ottengono risultati migliori dei singoli esperti per quanto riguarda valutazioni e previsioni.
In campo aziendale lo chiamano "crowdsourcing" e si sta diffondendo sempre più.
Questo è l'obiettivo di questa ricerca indipendente!

Unisciti a noi!

Blog Archive

News

Lettori fissi

Statistiche